Fai parte del gruppo? Metti da parte l’etica.

da | Apr 8, 2021 | Psicologia

Fai parte del gruppo? Metti da parte l’etica.

da | Apr 8, 2021 | Psicologia

Dal titolo immaginiamo una persona inserita in un gruppo, con un qualche ruolo che consenta il dettar regole e che in modo spregiudicato e senza troppo curarsi degli altri “fuori dal gruppo” agisce priva di qualsivoglia attenzione nei riguardi del prossimo.

Abbiamo immaginato bene perché è ciò che accade quando ci si lascia trasportare dall’illusione dall’onda del “potere”.

I contesti più diversi ci propongono la vignetta poc’anzi descritta e fin troppe volte ci si è trovati in circostanze simili, direttamente e indirettamente, spettatori di un nostro “pari” che riceve di punto in bianco lo scettro del “comando”. E noi? Noi, quelli che prima eravamo noi più uno diventiamo noi meno il leader.

Il leader nei migliori dei casi, perché noi siamo ottimisti. Ciò che caratterizza un leader è l’inclusione degli altri nel prendere decisioni, la condivisione, l’ascolto, il perseguire “il” fine comune. Il capo invece comanda. Il leader è tale per caratteristiche temperamentali e sapienza comunicativa. Il capo no.

Ma cosa accade di preciso al nostro capo che prende troppo sul serio il ruolo e si dimentica degli altri?

Philip Zimbardo della Stanford University fa riferimento a quel fenomeno noto come la “deindividualizzazione” di cui si iniziò a parlare già nel lontano 1970. Egli si ispirò alla teoria di Gustave Le Bon secondo la quale gli individui di un gruppo coeso, tendono a perdere la propria identità integrandola e fondendola con quella del gruppo, così come la propria consapevolezza e il proprio senso di responsabilità, sentendosi di conseguenza legittimati a mettere in atto comportamenti antisociali.

Furono selezionati 24 soggetti maschi di classe media, equilibrati e attratti il meno possibile da comportamenti sadici. Ciascuno di loro fu assegnato casualmente al gruppo dei detenuti o a quello delle guardie. Senza preavviso, i detenuti furono prelevati come reali criminali da casa loro e portati presso il Dipartimento di Psicologia della Stanford University, nel seminterrato debitamente attrezzato a prigione, con sbarre alle finestre, celle e muri spogli. Le guardie furono dotate di un’uniforme, occhiali a specchio per non essere guardati negli occhi, manganello, fischietto e manette.

In breve tempo le guardie iniziarono ad adottare comportamenti aggressivi e sadici nei confronti dei detenuti e solo dopo pochi giorni, la situazione iniziò a divenire psicologicamente insopportabile. I prigionieri cominciarono a manifestare evidenti segnali di stress e depressione.

L’obiettivo era capire se molte brutalità commesse dall’uomo fossero frutto dell’individuo o della situazione Nell’esperimento la domanda trovò risposta.

Se inserito all’interno di un gruppo, l’individuo tende a comportarsi come semplice pedina assumendo spesso comportamenti violenti e autoritari.

Se nella quotidianità il buon senso e l’autocontrollo impongono la non violenza, più difficile è l’autocontrollo sull’essere autoritari. Si entra nella parte e si perde di vista il fatto che fino a poco tempo prima si stava da quell’altra….

Proiettiamoci ora nel contesto lavorativo, un contesto a tutti ben noto e che spesso necessita di un lavoro di gruppo, di confronti continui e costanti tra i diversi attori quale che sia il lavoro svolto. Il collega che fino ad oggi ha svolto mansioni paritarie a quelle degli altri si trova con un improvviso incarico “superiore”.

Sarà leader o sarà capo?

È sicuramente più facile nascondersi dietro al “gruppo” nel dettar legge. Il leader sa stare in ruoli “superiori” coinvolgendo e condividendo il proprio operato. Il capo ordina.

“I trascinatori di folle, il più delle volte, non sono intellettuali, ma uomini d’azione. Sono poco chiaroveggenti, e non potrebbero esserlo, poiché la chiaroveggenza porta generalmente al dubbio e all’inazione.”

Gustave Le Bon

Leggi gli altri articoli

Il disturbo da accumulo

Il disturbo da accumulo

Del disturbo di accumulo se ne sente parlare con maggiore frequenza. Una conseguenza della pandemia oppure gli si dedica maggiore attenzione clinica? Probabilmente nessuna delle ipotesi esclude l’altra. Se n’è parlato nell’intervista con la giornalista Cristina Mariani del Quotidiano.net.