La Dalia Nera, un mistero lungo 75 anni

da | Gen 15, 2022 | News

La Dalia Nera, un mistero lungo 75 anni

da | Gen 15, 2022 | News

Erano le 7,30 di mattina del 15 gennaio 1947, all’incrocio tra la South Norton e la Trentanovesima, nella zona di Crenshaw, a Los Angeles. Sul marciapiede c’era il corpo, diviso in due, di una brunetta. Elisabeth Short, di anni 22, un metro e 65, prostituta, nota come la Black Dhalia. Iniziava il mistero.

Chi aveva caricato Elisabeth l’aveva fatto per farle del male. Forse le aveva proposto qualcosa di spinto e ben pagato, forse l’aveva minacciata e costretta, di sicuro secondo il medico legale l’aveva torturata per 72 ore. Lo avevano nutrito odio e violenza. Chissà quante volte aveva immaginato quelle sue ore di gloria, quanto ci aveva fantasticato, quanto si era preparato i suoi attrezzi, la stanza, le parole che avrebbe detto. Poi, tutto era diventato reale quando la ragazza era caduta nella tela del ragno. I segni sul corpo parlavano chiaro. I tagli, le abrasioni, le ecchimosi. Poi l’aveva lasciata nottetempo accanto a delle villette, le aveva divaricato le gambe per offenderla ancora di più.

Guardo le foto della Scientifica: c’è un grosso e profondo triangolo di carne asportato sopra il ginocchio sinistro. Penso alla povera Elisabeth, che subì tutto in vita. I seni pieni di bruciature di sigarette, il destro quasi completamente strappato dal petto. Altre bruciature sul viso, colpito più e più volte. La sua bocca era diventata uguale a quella del Joker. Una raggiera di fendenti intorno al pube. James Ellroy, il grande giallista, ne fu sconvolto per tutta la vita: quell’immagine non lo abbandonò mai.

Pensi che un delitto del genere non resti impunito. E invece no. Il bastardo lo cercarono dappertutto. Cinquanta persone si autoaccusarono dell’omicidio, ma erano cinquanta sballati. Uno fu più sospettato degli altri, ma senza arrivare a prove certe. La stampa ci andò a nozze, in città non si parlò d’altro. La vita di Elisabeth fu scandagliata ma senza arrivare a nessuna amicizia così pericolosa. Doveva essere stato un cliente nuovo.

E noi, noi, 75 anni dopo siamo ancora qui, davanti la tomba della Dalia Nera, a chiederci chi può essere stato a ridurla così.

Leggi tutte le news

Il Mostro di Modena seconda parte

Il Mostro di Modena seconda parte

Il Mostro di Modena seconda parte Di Pamela Nardi La quinta vittima Il corpo di Fabiana Zuccarini fu rinvenuto il giorno 8 marzo 1990 all’interno di un fosso a Staggia di San prospero in provincia di Modena. Sul corpo della vittima vennero rinvenuti segni compatibili...